Le metodiche termali naturali di Villa delle Ortensie

storie

Nel cuore verde della Valle Imagna…

È difficile spiegare in poche parole che cosa sia Villa delle Ortensie, perché Villa delle Ortensie è tante cose insieme: una elegante villa di fine Ottocento in stile liberty immersa in un parco nel cuore verde della Valle Imagna, una beauty farm con centro termale, un resort con raffinate camere e suite, un centro congressi e un ristorante curatissimo e attento all’alimentazione naturale. Ma c’è anche altro…

Villa delle Ortensie - Ingresso

Un po’ di Storia…

Villa delle Ortensie porta con sé la storia delle antiche fonti di S. Omobono, le cui acque sulfuree sono considerate tra le più antiche e salutari di tutta Italia. Villa delle Ortensie si trova proprio qui, a S. Omobono Terme, comune della Valle Imagna a 25 km da Bergamo, che cominciò a ritagliarsi una certa notorietà alla fine del XVIII secolo, quando letterati come Maironi da Ponte decantarono le preziose proprietà delle sue acque termali.

Villa delle Ortensie - Ambienti

Le Fonti di S. Omobono divennero in quegli anni un punto di riferimento per la cura delle malattie della pelle, delle malattie irritative e dei problemi all’apparato respiratorio, con gente bisognosa di cure proveniente da tutta la Lombardia. Per questo le acque sulfuree delle Terme di Sant’Omobono  sono alla base di tutti i trattamenti proposti in questa struttura:  infatti le cure con acqua termale riescono a dare risultati clinicamente evidenti già alla fine del primo ciclo terapeutico.

Le preziose acque sulfuree delle Terme di S. Omobono hanno importanti proprietà: sono utilizzate per curare affezioni dell’apparato respiratorio e otorinolaringoiatrico, dell’apparato dermatologico, dell’apparato gastroenterico e renale, esercitano inoltre un’azione tonico sedativa sul sistema nervoso, sul sistema endocrino e hanno un’azione antiallergica.

Villa delle Ortensie - Ristorante

Negli anni recenti la fama delle acque di S. Omobono Terme è andata perdendosi, ma Villa delle Ortensie ha voluto rilanciare il loro valore e la loro preziosità utilizzandola per diversi trattamenti naturali anche nell’ottica di rivalutare e far conoscere l’unicità del proprio territorio.

Anche la Villa è passata attraverso diverse vicissitudini: costruita a fine ‘800 come villa nobiliare è poi diventata centro agricolo con allevamento di animali fino agli anni ’90, quando è rinata come struttura di accoglienza turistica e centro benessere.

Villa delle Ortensie - Resort

Villa delle Ortensie oggi…

Oggi Villa delle Ortensie è un apprezzato resort con al suo interno una beauty farm dove è possibile sottoporsi a trattamenti estetici e di benessere a base di fango termale (preparato direttamente in loco), cure fisioterapiche e riabilitative, oltre a cure termali convenzionate con il Servizio Sanitario Nazionale (cure inalatorie, bagni sulfurei, cure idropiniche e per malattie dell’orecchio). Nel centro benessere sono a disposizione sauna, bagno turco, docce emozionali, vasche di fango, piscina con percorso Kneipp e sala relax.

Villa delle Ortensie - Il Biolago

Fiore all’occhiello della struttura è proprio la fangoterapia e la fango-balneoterapia, effettuata con metodi naturali a base di fango e acqua sulfurea (bagni di vapore, bagni di contrasto, idromassaggi alle alghe, percorsi flebologici, vinoterapia). I trattamenti benessere strizzano l’occhio anche al mondo del food, con golosi bagni al cioccolato, con effetti remineralizzanti, distensivi e nutrienti, e vinoterapia che stimola la circolazione e leviga la pelle.

Alla base di questo metodo curativo naturale c’è il principio dell’equilibrio termico Lezaetiano: “solo ristabilendo il giusto equilibrio termico tra la temperatura corporea interna ed esterna del corpo, ricorrendo agli agenti naturali (acqua, terra, aria, sole), è possibile recuperare e mantenere lo stato di salute”.

Villa-Delle-Ortensie - Thermarium

Un percorso terapeutico personalizzato

A Villa delle Ortensie lo staff del Centro di Medicina Naturale sceglie per ogni ospite i prodotti e i trattamenti più indicati, consigliando il programma terapeutico più adatto e seguendo il cliente passo dopo passo nelle cure. Oltre a una visita medica iniziale sono previsti colloqui giornalieri per discutere obiettivi, progressi e risultati. Chi soffre di una patologia specifica può rivolgersi allo staff medico per conoscere le possibilità di cura offerte dalla medicina naturale e per avere un percorso terapeutico mirato e su misura.

Un’attenzione particolare è riservata all’alimentazione: ogni ospite ha la possibilità di seguire una dieta che rispetti peculiari abbinamenti di ingredienti,  con una presenza massiccia di piatti vegetariani e cibi che svolgono una funzione depuratrice sull’organismo e che forniscono la più bassa quantità possibile di tossine. Tre le diverse tipologie di menu: calo peso, vegetariano e scelta dello chef.

Per capire cosa significa lavorare in una struttura come Villa delle Ortensie e quali siano le sfide di tutti i giorni e le sfide future, abbiamo pensato di fare una chiacchierata con Nicoletta Casari, direttrice della struttura.

Villa-Delle-Ortensie - Piscina

Due chiacchiere con Nicoletta Casari, Direttrice di Villa delle Ortensie

  • Nicoletta, cosa ti piace di più fare del tuo lavoro?

La cosa più piacevole è sicuramente quella di accogliere i clienti e spiegare loro cosa offre Villa delle Ortensie nella sua totalità, raccontargli quali possono essere i vantaggi di una metodica che si ispira agli elementi naturali e vedere i clienti tornare perché soddisfatti del percorso che hanno fatto.

  • Perché hai scelto di lavorare nel turismo?

La risposta è immediata! Potete immaginare un lavoro più entusiasmante? Un lavoro, che permette di incontrare persone felici che stanno per vivere una vacanza, di parlare con persone di nazionalità diversa, che fa crescere come persone e come professionisti e che offre mille opportunità per esprimere la propria individualità? Difficile! Aggiungiamo poi che è un’attività dinamica e a contatto con le nuove tecnologie e il gioco è fatto! Il mix è sorprendente. Il turismo è anche uno dei settori con più possibilità di lavoro in tutto il mondo, all’interno del quale è possibile trovare l’attività più in sintonia con le proprie attitudini e competenze.

  • Sul fronte personale ci dai tre aggettivi che descrivono il tuo carattere, la cosa che ritieni di saper fare meglio e una in cui ti senti negata?

Parlando di me in positivo posso dire di essere rispettosa, curiosa e responsabile; ma ahimè sono anche ritardataria, troppo accondiscendente e apprensiva.

Villa delle Ortensie
  • Quali sono i tuoi punti di forza, ciò con cui cerchi di distinguerti dai tuoi colleghi e dai competitor?

Cerco di utilizzare nel modo migliore le opportunità offerte dal canali di vendita online e di far sentire che soggiorna nella nostra struttura coccolato e ben accolto, come se fosse a casa propria di modo che sia pienamente soddisfatto della sua esperienza in Villa delle Ortensie;

la reputazione online oggi è di fondamentale importanza, le recensioni positive lasciate dagli ospiti generano nuove prenotazioni, poiché hanno il potere di influenzare il processo decisionale di acquisto; un altro punto di forza nel quale credo molto è la capacità di saper lavorare con successo in rete con gli altri colleghi del territorio sviluppando insieme nuove opportunità di lavoro.

  • Quali sono i tuoi prossimi obiettivi professionali?

Il mio obiettivo professionale è sicuramente quello di continuare a lavorare insieme all’azienda per cui lavoro ormai da diversi anni perché è una realtà dinamica e in crescita e un’azienda che riveste un ruolo importante per il nostro territorio.

  • Hai un sogno nel cassetto, che ti dà la grinta necessaria per affrontare i problemi di ogni giorno?

I sogni hanno la dimensione delle nostre possibilità, ma anche della nostra forza di volontà. E questo vale tanto a 20 anni quanto a 80. Sicuramente vorrei imparare qualcosa di nuovo. Avere dei sogni e volerli realizzare è qualcosa di fantastico, ma per poter raggiungere i risultati che ci siamo programmati è anche importante essere concreti e avere coscienza delle possibili difficoltà che potremo incontrare.

Beauty Farm Villa delle Ortensie
  • Mi dici tre aggettivi che ti vengono in mente pensando al significato delle parole “turismo e innovazione”

Accoglienza, flessibilità e esperienza: per fare innovazione nel turismo bisogna essere capaci di essere flessibili nell’offerta turistica per essere capaci di sfruttare le nuove tecnologie e per crearsi nuove nicchie di mercato differenziandosi dalla concorrenza.

  • Quali sono a tuo parere gli aspetti che andrebbero migliorati nell’accoglienza turistica del tuo territorio?

Le imprese del turismo sono una fonte di reddito molto importante per il Paese Italia, andrebbero sicuramente previsti meno costi e sgravi fiscali, e più incentivi per poter formare personale all’altezza delle richieste del mercato. Inoltre nei territori che non rientrano nelle destinazioni di primo livello, la carenza di infrastrutture, dai collegamenti extraurbani a quelli locali, danneggia in modo rilevante la capacità di accoglienza. Rispetto all’estero abbiamo un livello di ospitalità assolutamente superiore e un territorio di inestimabile valore, per sfruttarli al meglio serve un piano nazionale sul turismo che sia capace di coordinare le diverse azioni necessarie a valorizzare il nostro territorio e quel grande patrimonio umano che lavora dietro gli operatori dell’accoglienza e dei servizi.

Beauty Farm Villa delle Ortensie

Storie di turismo è un format di Turismo & Innovazione.

Copywriting: Claudia Moreschi
Team Manager: Alessandro De Ponti

Menu